Correzione del ciclo di voga...

La maggior parte degli errori sono comuni nella voga di coppia e di punta, e si manifestano principalmente nell’azione della pala, delle mani e del corpo.

E’ su questi che dovrebbe concentrarsi l’attenzione dell’allenatore.

 

Errori della pala

Errore

TECNICA DI RILEVAZIONE

CAUSE

ESERCIZI UTILI DI CORREZIONE

APPUNTI DI INSEGNAMENTO

1- Finale scoperto

La pala esce fuori dall’acqua durante l’ultima parte della palata. Osservare la prua e la poppa.

a- Tiro troppo basso (le mani vengono tirate basse allo stomaco)

Su andatura leggera eseguire le palate con pressione piena portando bene le impugnature sulle costole. Aumentare progressivamente il numero di palate

Tirare le impugnature alte. Tenere la pala coperta chiudere il finale con i polsi dritti ( e pari nella voga di coppia)

b- I gomiti finiscono il tiro piu’ basso dei polsi che si piegano

Vogare con il solo A. S., busto fermo in posizione finale, fermandosi ogni tre colpi, per alcuni istanti, con i gomiti nella stessa posizione di finale.

Invitare il vogatore a memorizzare l’esatta posizione nei momenti di pausa.

c- Troppa impalatura

Controllo impalatura

d- Scalmo/i troppo alto/i

Controllo altezza Scalmo/i

2- Rotazione della pala sott’acqua

Acqua sollevata dal bordo inferiore della pala durante l’estrazione

a- Errata successione dei movimenti dei polsi nell’estrazione

Voga a pala fissa

Mantenere la pressione del collare sullo scalmo. Abbassare le mani e poi spalare ruotando i polsi

b-Errata impugnatura del remo

Il remo non va avvolto con tutto il palmo della mano

Impugnare il remo con le sole dita e il metacarpo

3- Finale sporco

L’acqua si ammassa e spinge sul lato convesso della pala

a- Mancanza di pressione e percio’ non c’e’ gorgo nel finale

Accelerare la palata partendo da un atttacco leggero ed aumentando la pressione fino all’estrazione

Eseguire la palata correttamente in progressione. Controllare i gorghi e tirare fluidamnete con forza per uscire puliti

b- Estrazione troppo lenta

Vogare solo con gli A. S.

Stare bene indietro con le spalle in finale

c- Settore troppo lungo nel finale

Spostare la pedaliera vrso poppa fino a trovare la giusta posizione di finale

4 – Una pala esce in anticipo sull’altra (vogata di coppia)

Controllare ambedue le pale da prua e da poppa. La barca si piega sul bordo del remo che rimane in acqua

a- incrocio delle mani sfalsato

Vogare normalmente controllando che nell’incrocio delle mani, sia durante la ripresa che durante il tiro, la mano destra sia sempre perpendicolare sotto la sinistra

Terminare il tiro ed iniziare la ripresa con le mani sulla stessa linea

b- tiro non a livello

Vogare senza forzare a basso numero di colpi

Controllare che la barca sia dritta

c- una mano si abbassa prima dell’altra

Vogare senza forzare a basso numero di colpi

Evidenziare il movimento corretto delle mani nella rotazione del finale

d-gli scalmi non sono al giusto livello

Controllo dell’altezza degli scalmi

Assicurarsi che ci sia la giusta pressione sulle mani e sui piedi

5 – La pala si alza in attacco

La pala si allontana dall’acqua all’avvicinarsi dell’attacco

a- Le mani vanno all’attacco abbassandosi

Voga senza forza ed a basso regime di colpi con stop in ripresa a ¾ di carrello

Controllare che durante l’esercizio prima e dopo lo stop, non cambi il piano di ripresa. Sollevare i pugni al momento dell’attacco

b- Le mani impugnano il remo troppo strettamente

1-allentare le dita in direzione di poppa

2-“suonare il piano” con le dita

Impalare molto prima dell’attacco per percepire dove si trova la pala. Osservare il remo/i durante la palata e la posizione della pala rispetto all’acqua

c-Busto che si accartoccia sui piedi in attacco

1-palate singole ricordando al vogatore di fissare un punto fisso di poppa

2-vogare senza forza a bassa frequenza con la testa in linea con la colonna vertebrale

Presa coscienza della posizione pala/acqua

Controllare che il vogatore non alzi la pala durante l’impalatura

d-Scalmo troppo alto

Controllare l’atezza dello scalmo

6- Attacco lento

La pala impiega troppo tempo ad immergersi ed entrare in pressione. Eccessivo spruzzo d’acqua verso la prua. Controllare la differenza tra il tempo visivo e il tempo propulsivo

a- Le mani si muovono troppo lentamente in attacco

Esercizio ripresa-attacco:partire dal finale con esatta successione dei movimenti e fermarsi subito dopo l’immersione delle pale

Controllare durante la ripresa la corretta ed omogena succession dei movimenti; distensione degli A.S., flessione del busto, scorrimento del carrello.

b- Mancanza di coordinazione tra A.I. busto e A.S. nello svolgimento della ripresa

c- ripresa con carrello troppo veloce e7o braccia flesse

7 – Spruzzi d’acqua dietro la pala in attacco

Controllo dell’entrata in acqua della pala

a-Sollevamento lento della pala in attacco

Entrata sbagliata della pala in attacco p.e. giu’ e poi in avanti.

c-Impalatura insufficiente

Controllo impalatura (maggiore per i principianti)

d-Insicurezza

Insegnare la corretta sequenza

e-Scappare di carrello

Voga con solo A.I. con busto e A.S. sempre fermi in posizione attacco

8  - Una pala entra in anticipo sull’altra

Controllare ambedue le pale da prua e da poppa. La barca si piega sul bordo del remo che entra per primo

a- Una mano si solleva prima dell’altra

Voga leggera a basso numero di colpi

Controllare che la barca sia in “equilibrio”

b-Posizione non allineata delle spalle in attacco

Esercizio ripresa-attacco:partire dal finale con esatta successione dei movimenti e fermarsi subito dopo l’immersione delle pale

c-Scalmi regolati male.

Controllare altezza scalmi

9 – La pala affonda troppo in attacco

La pala entra fino all’asta. Spruzzi verso prua in attacco

a-Pala ipalata con completamente

Voga normale con una partecipazione piena e veloce con la mano interna

Tirare bene l’impugnatura su di un piano parallelo all’acqua

b-Impalatura insufficiente

Controllo impalatura

c-Sequenza errata dell’entrata in acqua

10 – La pala tocca l’acqua durante la ripresa

Controllo della pala

Insufficiente pressione delle mani verso il basso

Da fermi equilibrare bene il remo con la mano

Controllare che la pala non si abbassi fino a toccare l’acqua

Errore delle mani
 

Errore

TECNICA DI RILEVAZIONE

CAUSE

ESERCIZI UTILI DI CORREZIONE

APPUNTI DI INSEGNAMENTO

1- Tiro delle impugnature sui fianchi in finale (solo per la voga di coppia)

Controllo della posizione dei gomiti che si abbassano o si alzano troppo

a-Pedaliera troppo sotto verso prua

Controllo della posizione della pedaliera rispetto alla posizione della mani in finale

Curare il movimento della seconda parte della palata

b-spinta incomleta dele gambe nel finale

c-Leve interne dei remi troppo corte

Controllo che l’incrocio dei remi sia tra i 18 e 22 cm.

2- “Spezzare” i polsi durante la ripresa

Osservazione da molto vicino.

a-Non permettere all’impugnatura del remo di ruotare tra le dita

1-     Esercizi di rotazione dell’impugnatura tra le dita

2-     Chiudere bene il finale con le falangi dritte

3-     Voga a pala fissa

Puo’ essere causato da un’anticipata azione di spalatura.I remi sono spalati con troppa sicurezza mentre sono ancora parzialemnte immersi

b- Settore troppo lungo che rende l’estrazione difficile

1-Controllareche la pedaliera non sia troppo vicina

2-Controllo della leva interna del remo

Evidenziare la continuita’ del movimento di rotazione dello svincolo.

3 – Polsi “spezzati” durante la ripresa

Osservazione da molto vicino.

a-Polsi spezzati nel finale

Vedi sopra

b-Leva esterna troopo pesante

Controllo della leva esterna del remo

4- Impugnatura troppo stretta (strizzare il remo)

Controllo della tensione degli avambracci

a-Impugnare il remo col palmo della mano

1-Esercitazioni a “suonare il piano”

2-Insegnare la posizione corretta vogando senza forza a pala fissa

Rilassare la presa sull’impugnatura durante la ripresa

b-Tensione degli avambracci

Vogare aprendo le dita

Mani uncinate attorno all’impugnatura.Per la coppia sentire il contatto laterale con i pollici

c-Impalatura no corretta

Controllo e correzione dell’impalatura

5- Gomiti che si piegano troppopresto causando l’aggrappamento dell’impugnatura

Osservare subito dopo l’attacco;osservare separatamente ciascun gomito

a-Impalatura insufficiente

Controllo e aumento dell’impalatura

Sensibiliozzare il vogatore ad una corretta successione degli interventi dei tre “motori”:arti inferiori,busto,arti superiori.

b-Insufficiente uso degli A.I. in attacco e del busto durante il tiro

Voga leggera per lunga distanza mantenendo le braccia rilassate

c-Ripresa con bracci apiegate

Allungarsi dalla posizione di finale con le braccia tese

d-Tensione dell’impugnatura in ripresa “strizzatura”

Raggiungere l’attacco con le dita rilassate

Errori del corpo

Errore

TECNICA DI RILEVAZIONE

CAUSE

ESERCIZI UTILI DI CORREZIONE

APPUNTI DI INSEGNAMENTO

1-Scappare di carrello

Osservazione laterale sui movimenti del busto rispetto al carrello.

a-extra allungo del busto nell’ultima fase della ripresa

Controllo dell’altezza dela pedaliera

b-Manvanza di coordinazione tra A.I. e busto

Voga in accelerazione concentrandosi sulla tensione isometrica del busto nella prima parte della palata all’inizio della spinta degli A.I.

c-Dorso insufficientemente forte rispetto alla spinta degli A.I.

1-Idonei esercizi per migliorare la forza e la coordinazione del dorso

2-Voga solo con gli A.I. con il busto e gli A.S. sempre fermi in attacco.

d-Leva troppo dura

Controllo della leva

2-Spinta disuguale degli Arti Inferiori

Controllo che ambedue le ginocchia abbassino fino in fondo.Partcolarmente nella voga di punta controllare che non vi sia rotazione del bacino

Irregolare tiro degli A.S. – spinta degli A.I.

Voga a basso numero di colpi

Ricercare un uguale distribuzione della pressione sulla pedaliera, uguale tiro del busto e A.S. Controllare una corretta spinta degli A.I.

3-Pendolo eccessivo del busto indietro nel finale

Osservazione delle spalle rispetto al carrello ed alla posizione della colonna vertebrale

a-Poca coordinazione tra busto e A.S. nella trasmissione della forza sulla pala.Chiusura del tiro degli A.S. in ritardo rispetto alla fine dell’azione del busto

Voga normale a basso numero di colpi con controllo guidato del movimento completo.

Durante la seconda parte del tiro mantenere l’azione del busto dietro le pale con immediata trasmissione sulle pale stesse

b-Eccessivo allungamento del settore i finale

Voga a palate singole fermandosi in finale per percepire la posizione corretta

Sentire la corretta posizione del busto in finale

4- Spalle che cadono sopra il remo nel finale

Controllo della posizione del busto in finale. Osservare se il busto e’ tirato in avanti sull’impugnatura o viceversa

Erronea azione di finale.Il tiro degli A.S. inizia troppo presto prima che le spalle superino la verticale

Voga a pala fissa.Usare il peso del corpo per aumentare la potenza del tiro in acqua

Ricerca del tiro in progressione finale.Controllare che le spalle stiano bene indietro l’impugnatura durante l’strazione.Baricentrod el busto dietro il carrello.Controllare che il remo sia tirato al corpo e non viceversa.Controllo che in ripresa mani e A.S. siano allungate in avanti prima che si pieghi il busto.

5-Extra allungo in attacco; busto che cade in attacco

Controllo della posizione del busto in attacco

a-Piedi troppo bassi

Controllo altezza della pedaliera

Posizione corretta del busto in attacco.Preparazione di braccia e spalle prima di partire col carrello in ripresa

b-Tentativo di allungare troppo la palata

Esercizio con 2 stop: voga con stop ad A.S. e busto distesi (posizione di A.S. e busto gia’ pronta per l’attacco) e via col carrello

C-Insufficente preparazione di A.S. e busto prima di partire col carrello in ripresa

Vedi sopra

6-Mancanza di controllo del carrello durante la ripresa

Controllo della velocita’ del carrello durante la ripresa

Perdita della sequenza:mani-corpo-carrello in ripresa.Corsa tropppo veloce del carrello.Incapacita’ di accelerare la spinta in acqua.

1-Voga a numero di colpi basso

2-Vogate singole prendendo tempo per fissare una correttasequenza dei movimenti

3-Voga a basso numero di colpi controllando che la corretta posizione del busto sia assunta dal finale e durante la prima parte della ripresa

4-Voga a basso numero di colpi raccomandando di ricercare, durante la passata, l’accelerazione della barca

Favorire lo scorrimento della barca che deve essere disturbato il meno possibile.

 

Segue un elenco di esercizi utili nella voga di coppia e di punta con i vantaggi ad essi correlati se eseguiti correttamente:

 

Esercizio Benefici tecnici Possibili problemi derivanti dall'uso
1 - Voga a pala fissa

Estrazione veloce

Potenza nel finale

Prevenire l’abbassarsi dei polsi

Sicurezza

Strizzatura delle impugnature durante la ripresa

Allenamento noioso

2 - Voga a carrello fisso

Apertura del dorso e delle spalle in attacco

Sensibilizzazione dello svincolo e del via di mani se usato con il movimento del corpo

Controllo dei remi con le mani e l’avambraccio

Incremento dell’equilibrio e sicurezza

Difficolta’ a mantenere in equilibrio la barca

Extra allungo

Elevazione del busto in attacco

3 - Voga a ¼,1/2 e ¾ di carrello

Attacco veloce

Accelerazione della potenza applicata alle gambe che aumenta proporzionalmente al carrello

Consapevolezza della lunghezza e opportunita’ di cotruire palate suffcientemente lunghe

Propedueticita’ per l’apprendimento delle tecniche di partenza

Mancanza di precisione della corsa del carrello in attacco

Abitudine ad entrare alzando il busto

4 - Fermarsi in finale

Consapevolezza della posizione e altezza delle mani in finale

Distanza delle mani in finale

Potenza nel finale osservando i gorghi che corrono via

Incoraggia la spalatura sott’acqua

Scoraggia uno svincolo armonico

5 - Voga a pollici fuori

Rilassamento della presa

Poca tensione degli avambracci

Sicurezza

Controllo laterale (per la voga di coppia)

6 - Palate singole

Controllo dell’equilibrio

Percezione della corsa della barca

Tempo per preparare il movimento di ripresa

Controllo dell’alatezza delle mani Sicurezza

Perdita del ritmo del ciclo della palata Difficolta’ di equilibrio
7 - Voga a basso numero di colpi (16-18 min.) per brevi tratti

Percezione dell’accelerazione della potenza applicata

Percezione della corsa della barca in tiro e in ripresa

Controllo della giusta ripresa a seguire

Equilibrio durante la ripresa

Palate indue tempi a causa di una maggiore resistenza

Irrigidamento della muscolatura

8 - Voga a occhi chiusi Aiuta a recepire una esatta sensazione di ritmo e tempo

Aiuto nel rilassamento e nella sicureza

Possibilita’ di “fissare” delle immagini motorie per sviluppare particolari tecnici, come ad esempio il controllo della posizine della pala in attacco

Presa troppo morbida