Seia à Vernasseua (di Edoardo Firpo)                        Sera a Vernazzola

I lummi in riga se spëgian
into golfo turchin
e comme còrde d'öo
trémman e seunnan
dentro à l'arco marin.

Un solitario gossetto
sistro in scê mòbili còrde,
o dòrme in mezo a-a marinn-a,
a-o vento fresco di monti
a lenta onda a se ô ninn-a.

Vixin a-a çimma do Fasce
ecco, gh'é a lunn-a ch'a nasce
e a caccia perle in sciô mâ.

E òua e onde che arrìvan
da-a parte de Portofin
camàllan o ciæo de lunn-a
e ô làscian chì in sce l'ænin.

Le luci in fila si specchiano
nel golfo turchino
e come corde d’oro
vibrano e suonano
dentro l’arco marino.

Un piccolo gozzo solitario,
sistro sulle mobili corde,
dorme in mezzo alla marina,
al vento fresco dei monti
la lenta onda lo culla.

Vicino alla cima del Fasce
Ecco, c’è la luna che nasce
e getta perle sul mare.

E ora le onde che arrivano
dalla parte di Portofino
portano il chiaro di luna
e lo lasciano qui sulla rena.


Tratto dal volume Boccadasse antico e novo di Camillo Tomei..... 
"sotto la stazione ferroviaria di Sturla, dalla via arginante il piccolo torrente, cui dà nome il quartiere marinaresco di Vernazzola, oggi intitolata a Bartolomeo Chighizola, munifico benefattore, si arriva in paese. Vi si perviene altresì, a mezzo le arterie tortuose di Capo Santa Chiara che, a guisa di colubri formidabili, si snodano scendendo dall’alta rupe. Per gli amatori, poi, di forti impressioni, per gli artisti ed i poeti esiste un passaggio romantico, vaghissimo, non a tutti però accessibile, e preferito soltanto, nella calda stagione, da cercatori di molluschi, da bagnanti e da giovinotti intenti alla pesca, o allenantisi alla voga. Scesa infatti, la lunghissima e ripida scala, sulla punta più avanzata di Capo Santa Chiara, e giunti in fondo alla spiaggetta, dove da poco alcuni signori innalzarono una rotonda di legno quasi accanto all’antica casetta sempre bagnata dal mare attraverso lo Scoglio Grosso (ogni pietra ed ogni scoglio ha un nome particolare) alquanto costeggiando con piede fermo, tra lo spiano dentato a fior d’acqua, si arriva alla Bernardina, immane e bruna scogliera dalle cui sommità leggiadramente pittorico si presenta il paese di Vernazzola. Superato Frattin sul cui fianco sorgono due giardini delle case adiacenti uno dominato da una minuscola torre antica, l’altro da moderna pagoda saltellando ancora con una certa disinvoltura acrobatica fra qualche punta acuminata e tagliente si raggiunge la cloaca, su quale è facile transitare senza fatica. Vernazzola, con le sue bianche case, delle quali alcune a gruppi, ed altre allineate, con l’angusta spiaggia coronata di scogli, fra l’azzurro del mare e il fitto verde della campagna, mitigato dall’ombra scura dei monti lontani stacca un magnifico mosaico nel gran panorama a levante della ligure costiera. All’infuori di qualche palazzina, di recente costruzione, dai colori lievissimi e dalle marmoree loggette, Vernazzola, col suo modesto ponticello, che unisce la casa dall’una all’altra sponda del torrente mantiene l’avita severità marinara e peschereccia, come nella sua gente, pur sempre bella, pur sempre amabile.”


Au Ramban pescou de Sturla di Luigin Benvenuto..... 

Lenta seonna unna campann-a
qui seo ciocchi a veù annunzià
che un pescou de Vernazzoa
u l’ha finiu de pescà.

U l’ea un ommu forte e san,
tutta a vitta u l’ha passou
pe guagnase un po’ de pan….
in te un gussu derenou.

Quande stancu e senza forse
u l’ammia u gussu in tà faccia
unna lagrima a ghe sciorte
e de prua cun u cheu u l’abbrassa.

Unna smorfia, a pà un surrisu…
t’è sallu’u, ghe troppi anni….
mi me ciamma u paradisu,
e tì u fou de San Giovanni.

Cusci’ u “Lilli” e lé partiu,
in tu gussu bellu neou
e nisciun l’à sustituiu
in tà spiaggia, u postu vou.

Musai, scurpene, ghiggiuin
tutti i pesci lé satou,
avvisé dau campanin…
e unna lagrima an versou.

Tutta Sturla a lea cun ti’
in tà nostra gexa bella…
e tou zuû ghea anche mi…
ma oua in sé ghe ciù unna stella.

Chu ramban in tà barca neua…
qu maa carmu e celestin,
que culumbe tutte gianche;
ti peschié seia e mattin.

Tè saluu e tè veddiò
te serchiò se nu te veddu
quande un giurnu li vegniò
perché in tu Segniù ghe creddu!!

Sun cumoàssu e ammiu a stella,
tè saluu mé cau amigu,
sentu u cheu cù me martella
cun ti finsce un “mundu antigu”!!!


conoscere il genovese...

Dizionario italiano-genovese